Tunisia, in Italia scatta l’allarme per il terrorismo islamico

Avatar
Redazione
-
News

Tunisia, in Italia scatta l’allarme per il terrorismo islamico

News
Avatar
Redazione

“Acquista sempre più spessore il canale della Tunisia, che costituisce origine e provenienza di soggetti a rischio sotto il profilo del terrorismo”.

L’ha rivelato il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Federico Cafiero de Raho, al Comitato parlamentare di controllo sull’attuazione dell’accordo di Schengen, di vigilanza sull’attività di Europol, di controllo e vigilanza in materia di immigrazione, in merito alla gestione del fenomeno migratorio nell’area Schengen.

L’audizione di Raho ha avuto un focus sui rischi “d’infiltrazione di elementi terroristici nei flussi migratori e di rientro di foreign fighters” in Italia.

Il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo ha specificato che il pericolo arriva non solo da chi approda lungo le nostre coste ma anche da chi negli anni passati è partito per unirsi ai gruppi jihadisti:

“Riguardo ai foreign fighters partiti dall’Italia 56 sono deceduti, 34 rientrati in paesi di provenienza, di cui 11 solo in Italia e di questi 3 sono detenuti e 8 costantemente monitorati”.

Federico Cafiero de Raho è entrato nello specifico, parlando del tunisino Brahim Aouissaoui, passato in Italia, prima di recarsi in Francia e sgozzare tre persone a Nizza:

“L’attentatore di Nizza dell’ottobre 2020 è un soggetto che proviene dalla Tunisia: il 19 settembre del 2020 era giunto a Lampedusa, poi il 29 ottobre 2020 ha commesso l’attentato a Nizza. Lo scambio d’informazioni tra Italia e Francia su questo soggetto dimostra che la cooperazione internazionale è sempre più radicata, diffusa e rapida”.

De Raho ha dichiarato, inoltre, che le organizzazioni criminali che gestiscono l’arrivo dei migranti fanno base nei Paesi di origine:

“L’accompagnamento dei migranti è sostanzialmente controllato dalle stesse organizzazioni criminali che hanno sede nei Paesi di provenienza dei che vengono poi destinati ad attività di prostituzione o lavorative a sottocosto. Queste organizzazioni curano il trasferimento dei migranti da un Paese a un altro”.

L’Italia rimane un paese dove, in vari modi, i terroristi islamici fanno tappa, prima o dopo aver compiuto un attentato.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US