Chieti: inneggiava alla Jihad, pakistano raggiunto da decreto di espulsione

Avatar
Redazione
-
News

Chieti: inneggiava alla Jihad, pakistano raggiunto da decreto di espulsione

News
Avatar
Redazione

Un pakistano è stato raggiunto da un decreto di espulsione amministrativa per “motivi di sicurezza pubblica”. Arslan Faiz, che risiedeva da tre anni a Francavilla al Mare, in provincia di Chieti, è stato ritenuto un soggetto socialmente pericoloso.

Una vita apparentemente normale, quella di Faiz, che lavorava in un lavaggio auto. Sui social network, però, l’attività del 31enne erano tutt’altro che normali.

Secondo gli inquirenti, infatti, Faiz avrebbe inneggiato alla Jihad, al Califfato e non ultimo a Hibatullah Akhundzada, leader dei talebani, saliti alla cronaca per aver riconquistato Kabul.

Sono questi i motivi che hanno spinto i carabinieri del Ros e del Comando Provinciale di Chieti, coadiuvati dall’Ufficio Immigrazione della locale questura, a emettere il decreto di espulsione nei suoi confronti.

Gli analisti, che hanno monitorato i movimenti social di Arslan Faiz, hanno scoperto:

“La pubblicazione di foto e commenti inneggianti alla formazione di un califfato islamico e al jihad, sentimenti di odio e disprezzo per le istituzioni democratiche, nonché un completo disinteresse verso l’integrazione nella comunità italiana”. 

A carico di Faiz sono state riscontrate:

“Condotte orientate alla propaganda e al sostegno in favore di alcune organizzazioni di natura estremista o comunque ad esse vicine o riconducibili”.

Così l’ufficio immigrazione della questura di Chieti non ha potuto fa altro che revocare il permesso di soggiorno e trasferire Faiz presso un Centro per Rimpatri.

L’Italia sta lavorando alacremente per fronteggiare il terrorismo islamico. L’episodio conferma, semmai ce ne fosse ulteriormente bisogno, che il nostro paese è base e luogo di passaggio per chi inneggia la Jihad e ne sposa la causa.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US