Gadget antisemiti su Pinterest, come vengono aggirate le restrizioni

Avatar
Redazione
-
News

Gadget antisemiti su Pinterest, come vengono aggirate le restrizioni

News
Avatar
Redazione

I gadget antisemiti imperversano su Pinterest, le cui restrizioni stanno mostrando diverse pecche. Ad averlo dimostrato è stato The Markup, organizzazione senza scopo di lucro americana con sede a New York City.

Come spesso accade in questi casi, occorre fare un passo indietro.

C’è uno slogan antisemita, il cui acronimo è 6MWE, che sta per “6 Million Wasn’t Enough”, letteralmente “6 milioni non sono stati abbastanza”, ovviamente riferendosi alle vittime della Shoah.

Il motto, divenuto un cavallo di battaglia di chi odia gli ebrei, compare su magliette e felpe con vicino l’immancabile aquila.

The Markup ha portato alla luce che le merci antisemite presenti su Pinterest non solo collegate direttamente alla ricerca “6MWE” ma tramite la ricerca da Google digitando “6mwe hoodie”.

Se, infatti, si prova a fare la ricerca con l’ignobile acronimo, compare questo messaggio:

“Pinterest non è un luogo adatto alla pubblicazione di immagini, contenuti o attività che incitano all’odio”.

Basta però, aggiungere “hoodie” (felpa) e la piattaforma mostra più di 60 oggetti antisemiti, acquistabili in più siti.

I responsabili di Pinterest, a volte, riescono a rimuovere i pin, tante altre volte no:

“Dato il volume e la complessità dei contenuti, c’è sempre più lavoro da fare, e riconosciamo anche che abbiamo più opportunità di migliorare”.

Jonathan A. Greenblatt, CEO della Anti-Defamation League, ha detto a The Markup:

“Il fatto che questo contenuto odioso e offensivo sia così facilmente accessibile su Pinterest dimostra fino a che punto le aziende tecnologiche devono ancora spingersi per affrontare anche gli esempi più ovvi di odio. Se Pinterest vuole creare uno spazio accogliente e sicuro per tutte le persone, deve investire molte più risorse nei suoi sforzi di moderazione dei contenuti in futuro”.

L’antisemitismo sta attecchendo sempre di più, trovando numerosi consensi sul web, che sta mostrando tutte le sue falle riguardo le restrizioni e la moderazione.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US