Il rischio (e il vantaggio propagandistico) di combattere un fascismo più immaginario che reale

Ugo Volli
Ugo Volli
-
Editoriali

Il rischio (e il vantaggio propagandistico) di combattere un fascismo più immaginario che reale

Editoriali
Ugo Volli
Ugo Volli

Per chiunque segua le vicende politiche e culturali italiane con un minimo di lucidità e onestà intellettuale, è chiaro che quel che è accaduto al salone del libro di Torino non è stato affatto una vittoriosa mobilitazione democratica contro un tentativo di invasione fascista della cultura, ma un tentativo di delegittimazione politica di un avversario pericoloso da parte del Pd e dei grillini, seguiti come al solito dal coro benpensante di intellettuali, giornalisti e altri “sinceri democratici” indignati. La dimostrazione è che mentre si cacciava a furor di popolo l’editore di un libro-intervista a Salvini, in diversi stand del salone si esponevano e si vendevano tranquillamente “Mein Kampf”, “I protocolli dei Savi anziani di Sion” e altra disgustosa paccottiglia fascista. Questa mercanzia al salone c’è sempre stata e in trent’anni nessuno si è mai preoccupato di eliminarla o contestarla. Come del resto al Salone sono transitati senza problemi terroristi non pentiti delle brigate rosse, a partire dal capo supremo Renato Curcio, e si sono venduti e si continuano a vendere non solo i loro libri, ma anche quelli di Cesare Battisti. Che ci sia molto di pretestuoso in questa storia è dimostrato anche dal fatto che il pretesto della contestazione è un libro che non c’entra nulla col fascismo e che  fra l’altro  non è un libro DI Salvini, ma di un’intervista firmata una giornalista  piuttosto nota, Chiara Giannini, ora al Giornale, ma prima firma del Tirreno e di altri giornali di sinistra. Il che fra l’altro fa giustizia dell’idea di un coinvolgimento personale di Salvini con quell’editpre.

Intendiamoci, il fascismo e il nazismo vanno naturalmente combattuti sul piano delle idee oltre che su quello legale e l’editore di questo libro è chiaramente, per sua stessa dichiarazione, un nostalgico del fascismo. Ma ciò implica che non abbia diritto a pubblicare i suoi libri e a venderli? Esistono leggi contro la ricostituzione del partito fascista (ma una piccola casa editrice non è certo un partito)  e contro l’apologia del fascismo (ma nessuno ha sostenuto che nel libro di Salvini ci fosse una cosa del genere). E’ democrazia quella che consente a delle istituzioni politiche (il comune di Torino e la Regione Piemonte, retti da 5 stelle e Pd, per una volta uniti nella lotta) di togliere a qualcuno la libertà di espressione, che è garantita dalla  Costituzione, senza una sentenza della magistratura, con fini evidentemente elettorali?

Al di là di questo aspetto, vi è un altro pericolo. E’ una vecchia abitudine della sinistra dividere il mondo in “democratici” (se stessa e i suoi alleati) e “fascisti” (tutti gli altri). Questo meccanismo si è applicato a lungo alla Dc, agli Stati Uniti, ai docenti che resistevano al Sessantotto, alla polizia (nei cortei si è gridato per decenni lo slogan ignobile “PS, SS”), ma anche a Israele (è la diffamazione ridicola, se non fosse tragica, per cui “lo stato ebraico è come il nazismo, Gaza è come Auschwitz ecc. ecc.) e oggi si applica a Salvini, a Trump, a Bolsonero, a Orban ai “sovranisti” (espressione di per sé concepita per essere ingiuriosa) a Netanyahu (ma prima anche a Sharon, a Peres, a Dayan…).

Per coloro che fanno propaganda e che vogliono semplicemente delegittimare i loro nemici a qualunque costo, questi accostamenti insensati sono comode armi propagandistiche. Ma per chi è stato davvero vittima dei nazisti e ha la responsabilità della memoria della Shoà, il discorso è diverso. Perché se Salvini è come Hitler, anche Hitler dev’essere come Salvini, cioè un personaggio politico cui nessuno ha mai potuto attribuire un singolo episodio di violenza, che in tutta la sua vita politica si è attenuto alle leggi e alle regole della democrazia. E se l’Italia attuale ricorda il nazismo, allora il nazismo dovrebbe somigliare all’Italia attuale, un posto dove le opinioni sono libere, nessuno è ucciso o incarcerato per le sue idee, l’alternanza di governo è garantita, le discriminazioni razziali sono proibite ecc. Tutto ciò è chiaramente falso, ma pericoloso, perché proietta un’immagine accomodante e normale della dittatura atroce e genocida. Insomma chi usa nazismo e fascismo come arma politica contro avversari politici che chiaramente non ricadono sotto queste categorie, è responsabile della banalizzazione di quei regimi sanguinari e dei loro crimini, prima di tutto la Shoah.

Altra discorso naturalmente vale per quelli che si definiscono da sé fascisti, come Casa Pound e Forza Nuova, contro cui è giusto lottare secondo la modalità consentite dalla legge; ma allora bisognerebbe prendere atto che la loro presa elettorale è pressoché nulla e che dunque su questo piano non costituiscono un pericolo e sarebbe opportuno badare a non fare loro pubblicità gratuita. Come è clamorosamente accaduto invece con la casa editrice esclusa.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US