Attentato all’ambasciata israeliana ad Amman, tensioni davanti alla sinagoga di Istanbul

Avatar
Redazione
-
Medio Oriente

Attentato all’ambasciata israeliana ad Amman, tensioni davanti alla sinagoga di Istanbul

Medio Oriente
Avatar
Redazione

L’attentato all’ambasciata israeliana di Amman di ieri sera ha fatto seguito alle tensioni dei giorni precedenti a Istanbul, dove un gruppo di dimostranti hanno protestato contro lo Stato ebraico.

Un giovane, due secondo i media locali, si è introdotto all’interno dell’ambasciata israeliana nel settore di Rabieh, a ovest della capitale giordana, e ha accoltellato un responsabile della sicurezza, che è rimasto ferito gravemente. L’attentatore è morto dopo la reazione di un membro delle forze di sicurezza. Dopo il vile attacco l’ambasciata israeliana ad Amman è inaccessibile. La guardia che ha ucciso all’attentatore, che dovrebbe godere dell’immunità concessa dalla Convenzione di Vienna sui rapporti diplomatici in quanto ha sparato per legittima difesa, è ancora bloccata in Giordania, il cui governo si rifiuta di trasferirla in Israele.

Giovedì scorso, invece, un gruppo di persone ha dimostrato davanti alla sinagoga Neve Shalom di Istanbul con bandiere anti israeliane. Uno di loro, Kürşat Mican, ha detto che:

“I sionisti impediscono ai nostri fratelli la libertà di culto e noi qui vi impediamo di pregare. Non ci importa se oggi saremo fermati, torneremo anche domani”.

Dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan invece che arrivare una condanna sull’accaduto, è arrivato un attacco contro Israele a causa dell’installazione dei metal detector per accedere al Monte del Tempio di Gerusalemme.

Su questo argomento occorre fare due precisazioni:

  • L’installazione è stata fatta dopo l’attentato di una settimana fa nel quale due poliziotti sono stati uccisi da tre terroristi palestinesi.
  • I metal detector non impediscono ai musulmani di pregare ma garantiscono solo la sicurezza di tutti i presenti nella zona, turisti compresi che in questa stagione affollano Gerusalemme.

I metal detector sono diventati un falso problema e un pretesto per attaccare Israele. Perché non ci si reca a pregare con le armi. Perché ci si dovrebbe indignare per una decisione che protegge tutti i cittadini?

I metal detector sono presenti anche prima di accedere in Vaticano, ma per quelli non c’è stata alcuna levata di scudi. Ci sono metal detector di serie A e di serie B?

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US