Nuovo atto antisemita a Torino, scritta “ebreo” sulla porta di casa di Marcello Segre

Avatar
Redazione
-
Antisemitismo

Nuovo atto antisemita a Torino, scritta “ebreo” sulla porta di casa di Marcello Segre

Antisemitismo
Avatar
Redazione

Non sembra placarsi l’ondata antisemita che sta colpendo il Piemonte e Torino in particolare. Dopo i recenti episodi accaduti in città ai danni di Maria Bigliani, la figlia della staffetta partigiana e di una responsabile dell’Anpi locale, questa volta è stato preso di mira Marcello Segre.

Rientrando a casa, il presidente dell’Associazione Piemonte Cuore onlus ha trovato la scritta “Jude” (ebreo in tedesco) con la stella di David sulla porta della propria abitazione. Su questo terso caso di antisemitismo a Torino in pochi giorni, sta indagando la Digos, alla quale si è rivolto Marcello Segre, che ha così commentato la vicenda:

“Sono rammaricato per gesti che sviliscono il valore di una comunità civile come quella piemontese, da sempre inclusiva e lontana da deriva antisemita. Ho fiducia nelle forze dell’ordine. Ho ricevuto numerose telefonate di solidarietà. Anche dalla sindaca Chiara Appendino e dal presidente della Regione Alberto Cirio. Telefonate bipartisan, che sono il segnale migliore in queste situazioni. Sono episodi che non devono essere taciuti: la memoria deve essere mantenuta viva tutti i giorni e nessuno deve permettersi di cancellarla. È importante raccontare la storia nelle scuole: parlare ai ragazzi è la difesa al futuro”.

Segre ha aggiunto: 

“Se uno fa una cosa come questa  significa che ce l’ha con qualcuno. Ma io sono impegnato nel sociale, non penso di avere fatto del male a chicchessia. Le tante chiamate che ho ricevuto, e le telefonate bipartisan di Cirio e Appendino, sono il segnale migliore in queste situazioni”. 

Ecco gli episodi antisemiti che hanno colpito il Piemonte nelle ultime settimane:

In Italia esiste un problema, legato all’antisemitismo. È innegabile.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US