Antisemitismo in Germania, aggrediti due giovani che indossavano la kippah

Avatar
Redazione
-
Antisemitismo

Antisemitismo in Germania, aggrediti due giovani che indossavano la kippah

Antisemitismo
Avatar
Redazione

Antisemitismo in Germania. Sembra di leggere un libro di storia, quando il mondo si stava lentamente riprendendo dalla crisi del ’29, cavalcata da Adolf Hitler per realizzare la sua spietata bramosia di potere.

E invece siamo nel 2018, a Berlino, dove due ragazzi sono stati aggrediti perché indossavano la kippah (il copricapo ebraico). L’episodio antisemita è avvenuto martedì scorso ai danni di un 21enne e un 24enne nel quartiere di Prenzlauer Berg da tre giovani, uno di cui parlava sicuramente arabo.

21enne che ha filmato la scena e l’ha diffusa online, in cui si sente chiaramente che uno degli aggressori ripete più volte “Yahudi” (ebreo in arabo).

C’è un particolare in questa aggressione che fa riflettere. Il 21nne di nome Adam ha detto in un’intervista di essere un israeliano cresciuto in una famiglia araba atea in Israele e di stare ancora cercando la propria identità religiosa.

E allora perché indossava la kippah?

Perché voleva dimostrare che indossare la kippah in Germania non era pericoloso come sostenevano i suoi amici israeliani. In un’intervista alla Deutsche Welle ha dichiarato:

“È stato un esperimento per me di indossare ieri la kippah e uscire, continuerò a portare la kippah, non importa cosa ne pensino gli altri”.

Adam ha sottolineato che al momento dell’aggressione in strada c’erano una cinquantina di persone, ma solamente una donna gli ha prestato aiuto, aggiungendo di aver ricevuto sostegno e solidarietà dalla polizia e sui social.

Antisemitismo in Germania. Questo episodio accaduto ai due giovani fa il palio con il premio musicale vinto sempre a Berlino da due cantanti antisemiti che ha suscitato molte polemiche nel paese.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US