Germania, sputi e insulti contro un rabbino della comunità di Berlino

Avatar
Redazione
-
Antisemitismo

Germania, sputi e insulti contro un rabbino della comunità di Berlino

Antisemitismo
Avatar
Redazione

Non si placano gli episodi di antisemitismo in Germania. Nel fine settimana scorso, un’altra vicenda ha messo in allarme gli ebrei del paese. A denunciarla è stata la Comunità ebraica di Berlino, dove il rabbino Yehuda Teichtal è stato insultato e fatto oggetto di sputi da due uomini che si sono rivolti a lui in arabo.

Il rabbino aveva appena prestato servizio alla sinagoga che si trova nel distretto di Wilmersdorf, quando in strada è accaduto tutto:

“Vivo a Berlino da 23 anni e non ho mai vissuto una cosa del genere. È stata una situazione minacciosa, soprattutto perché avevo mio figlio con me. Sfortunatamente, dobbiamo dire che l’aggressione contro gli ebrei ha sviluppato una vita propria, sia nei cortili della scuola che nelle strade di Berlino”.

Teichtal ha continuato fotografando la situazione in merito all’antisemitismo nella capitale tedesca:

“La maggior parte delle persone a Berlino non vuole accettare questa aggressione contro gli ebrei come parte triste della vita quotidiana ebraica”.

Teichtal è nato nel 1972  negli Usa, nel quartiere di Brooklyn ed è stato ordinato rabbino all’età di 23 anni a New York. Nel 1996, lui, sua moglie e la sua famiglia si trasferirono a Berlino “con un biglietto di sola andata”:

“Sono venuto per restare. Da un incidente del genere, per quanto difficile, non lascerò che la mia immagine della Germania e di Berlino venga distrutta”.

L’ennesimo episodio antisemita sta mettendo in allarme le Comunità ebraiche tedesche e soprattutto quella di Berlino, dove l’odio antiebraico si ripete con preoccupante ripetizione.

Secondo le ricerche il Rias – l’ufficio preposto per la raccolta dei dati sull’antisemitismo – il distretto di Charlottenburg-Wilmersdorf (dove è avvenuta l’aggressione a Teichtal) è il secondo posto a Berlino per frequenza di attacchi antisemiti (80 nel 2018), preceduto solo dal distretto di Mitte (146 nel 2018).

Perché le autorità tedesche sembrano non voler rendersi contro della situazione?

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US