Terrorismo in Europa: ora tocca a te

Avatar
Micol AnticoliEditor & Event Manager
-
Antisemitismo

Terrorismo in Europa: ora tocca a te

Antisemitismo
Avatar
Micol AnticoliEditor & Event Manager

Ora tocca alla brava gente comune, al cittadino medio come al docente; all’artista e al giornalista; a qualunque moderato. Alzati e difendimi. Al bar come allo stadio, in fila alle poste e sui giornali, oppure in tv.

Nella storia sono stati molti gli episodi di persecuzione anti ebraica; ciò comporta che in molte occasioni vi sono stati anche popoli complici o indifferenti. Nel Medioevo si bruciavano gli ebrei vivi con l’accusa di diffondere la peste. Durante l’inquisizione i giudei subivano le torture più efferate, le accuse più infamanti, come quella di cucinare le azzime con il sangue dei bambini cristiani; poi la cacciata dalla Spagna insieme ai musulmani. Sotto il dominio dei Papi le calunnie si sprecavano, le conversioni coatte, i roghi dei libri sacri e i saccheggi di quelli più preziosi, che ancora oggi il Vaticano tiene ben stretti. Perché non festeggio il carnevale? In quella data gli ebrei venivano rinchiusi nelle botti chiodate e buttati giù dal colle di Testaccio, oppure utilizzati al posto dei cavalli per le gare. Poi trecento anni nei ghetti. In Russia gli ebrei sono stati perseguitati, saccheggiati, stuprati e massacrati. La Shoah. Oggi, il terrorismo. Qualunque obiettivo si voglia colpire, il morto ebreo è un must, non ci si può esimere dall’attaccare l’antico eppur sempre attuale nemico israelita.

Un tempo vi era la scusa dell’ignoranza. L’alto tasso di analfabetismo e l’istruzione accessibile a pochi fortunati. Oggi, con internet, nessuno ha scusanti. Almeno non gli europei. Negli anni della cultura digitale, nessuno può dire di non conoscere e di non sapere. I musei ebraici e le sinagoghe sono aperti al pubblico per raccontarsi; kermesse culturali e festival artistici portano la cittadinanza alla scoperta completa degli ebrei e delle loro tradizioni. Chi tace oggi lo fa con consapevolezza. Chi accusa oggi lo fa per antisemitismo e null’altro.

Oggi in Danimarca, dopo l’attentato alla sinagoga, si è dovuto chiudere la scuola ebraica. Ancora una volta in due mesi dopo la chiusura delle scuole in Francia e in Belgio. Qualcuno si è mai immedesimato in una madre europea che non può mandare il figlio a scuola per paura che lo uccidano, come è successo a Tolosa due anni fa? Ha mai provato a chiedere al concittadino ebreo cosa significhi per la sua famiglia dover vivere il proprio ebraismo costantemente sotto scorta, dietro a cancelli e dietro agli scudi delle forze dell’ordine.

Per quanto ne dica Netanyahu, io non voglio fuggire dall’Europa. Di nuovo. L’Italia è la mia casa, la mia patria, e anche se più volte mi ha tradito, non sono ancora pronta ad arrendermi. Non lo farò fino a che ci saranno i miei amici, i miei vicini e i miei colleghi che si alzeranno per difendermi, per schierarsi dalla mia e solidarizzare.
Finché ci sarà chi non considera gli ebrei un corpo estraneo, ma una parte di sé da proteggere meglio.

Ora tocca a te.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US