I palestinesi dimenticati

Avatar
Roberta Vital
-
Medio Oriente

I palestinesi dimenticati

Medio Oriente
Avatar
Roberta Vital

palestinesi in Siria
Stride come una nota stonata il silenzio su quasi 3500 palestinesi uccisi dagli arabi in Siria dal 2011. È assordante il silenzio della Comunità Internazionale sui 12.000 palestinesi trattenuti nelle prigioni Siriane, tra cui 765 bambini e 543 donne. Fonti palestinesi parlano di 503 palestinesi morti sotto tortura negli ultimi anni. Tutto ciò però non fa notizia per i media Internazionali e per chi si occupa della difesa dei diritti umani. I palestinesi dimenticati, quelli che si trovano aldilà della Cisgiordania e della Striscia di Gaza, i palestinesi dimenticati sono quelli uccisi dagli arabi, quelli che vivono in Siria, Giordania, Libano, sono quei palestinesi per cui Israele non può essere accusata della loro morte. I palestinesi dimenticati sono quelli che non possono essere usati come arma di propaganda verso Israele.

Onu, Unesco e forum che sembrano occuparsi dei diritti umani non hanno nessuna parola, nessuna condanna verso le migliaia di vite palestinesi stroncate e per i crimini perpetrati dai loro stessi fratelli arabi. È sbalorditivo come per l’ Autorita’ Palestinese questi crimini di guerra, bombardamenti, torture, assedi contro campi profughi lasciati per anni senza elettricità ed acqua, non siano importanti. Non siano da condannare e come mai? Semplice, perché per questo non si può incolpare Israele. Ci si sofferma sui posti di blocco Israeliani ma si ignorano le bombe sganciate da militari Siriani. Tutto ciò è contro ogni logica ed ogni ragionevolezza morale. Yarmouk è il più grande campo profughi palestinese nei pressi di Damasco, anzi lo era. Tra malattie e bombardamenti, lasciato senza elettricità da più di tre anni sta scomparendo del tutto. Questi palestinesi dimenticati sarebbero stati ben più fortunati se avessero vissuto in Israele, in Cisgiordania o forse anche nella striscia di Gaza perché almeno sarebbero stati degni di attenzione da parte dei media e dalle ONG se non altro per essere usati come armi di propaganda verso Israele.

In questo Medio Oriente violento e fanatico che l’Unesco non vede, è solo lo Stato Ebraico ad essere democratico è solo Israele che riconosce esplicitamente il popolo palestinese ed i loro diritti legittimi, ed ancora ad oggi purtroppo non si può dire vero il contrario. Ancora ad oggi con le armi e la propaganda si sta cercando di distruggere lo Stato di Israele, a costo di utilizzare i propri fratelli arabi come strumento di propaganda e dimenticarsi delle migliaia di vite umane uccise aldilà della Cisgiordania. Sono i palestinesi dimenticati, quelli per cui Israele non può essere accusato di esistere. Quelli che non possono essere utilizzati per emanare vergognose risoluzioni Unesco contro lo Stato di Israele.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US