Gentiloni: Sì alla Palestina, ma non ora

Avatar
Micol AnticoliEditor & Event Manager
-
Medio Oriente

Gentiloni: Sì alla Palestina, ma non ora

Medio Oriente
Avatar
Micol AnticoliEditor & Event Manager

Il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni non ha preso sottogamba la questione israelo-palestinese e almeno secondo quanto dichiarato nella giornata di ieri, non avrebbe nessuna intenzione di lavarsene le mani attraverso vie brevi e popolari, ma prevederebbe di seguire la strada tortuosa della diplomazia e dei negoziati di pace per arrivare alla fondazione di uno Stato palestinese.

“Il riconoscimento della Palestina è sul tavolo ma non può essere una petizione di principio usata in un momento che non è il più opportuno” – ha dichiarato il Presidente della Farnesina – “E’ giusto discuterne, ma poi dovremo utilizzarla nel momento in cui serve di più a sbloccare il negoziato”.

Un messaggio forte e responsabile dunque quello di Gentiloni, che non vuole gettare nella spazzatura decenni di impegni europei e statunitensi, come gli accordi di Oslo di cui il Vecchio continente si fece garante.

Un riconoscimento della Palestina che scavalchi il tavolo delle trattative con Israele e con i mediatori internazionali non fornisce di fatto nessuna garanzia al popolo palestinese, che merita un governo democratico e rispettoso dei diritti del cittadino; lo stesso vale per la popolazione israeliana a cui è necessario garantire una vita in cui non si debba aver paura di aspettare un autobus o di fare la spesa in un mercato affollato.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

    This error message is only visible to WordPress admins

    Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

    There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

    Error: No posts found.

    Make sure this account has posts available on instagram.com.

    Click here to troubleshoot

  • FOLLOW US