Israele, simulazione di vita su Marte nel deserto del Neghev

Redazione
-
News

Israele, simulazione di vita su Marte nel deserto del Neghev

News
Redazione

Israele guarda verso Marte. La corsa spaziale coinvolge anche lo Stato ebraico che ha appena terminato gli esperimenti di simulazione a Mitzpe Ramon, nel deserto di Neghev: un luogo scelto non a caso, visto la sua conformazione geologica tendente al rosso-arancio e la sua aridità che lo avvicinano alle caratteristiche di Marte.

Per quattro giorni 6 ricercatori hanno studiato e misurato radiazioni, i possibili effetti psicologici dovuti all’isolamento, e hanno testato diversi campioni di terreno alla ricerca di segni di vita.

Ricercatori che si sono alimentati con cibi incapsulati,  hanno dormito in alloggi confinati e si sono mossi con indosso l’attrezzatura spaziale.

La “spedizione” israeliana è una delle tante “missioni” sul pianeta rosso che si svolgono in tutto il pianeta, ma la prima di molte che verranno svolte all’interno del progetto D-MARS Desert Mars Analog Ramon Station.

Progetto finanziato congiuntamente dal Ministero Israeliano per la Scienza, la Tecnologia e lo Spazio e dall’Agenzia Spaziale Israeliana, che ha lo scopo di pianificare una futura missione con equipaggio e di creare un interesse pubblico intorno all’argomento.

Guy Ron, professore di fisica nucleare dell’Università Ebraica di Gerusalemme, ha affermato:

“D-Mars è per metà ricerca, per metà coinvolgimento esterno. Una parte importante di questo progetto è suscitare interesse nel pubblico e coinvolgere gli studenti interessati nello spazio”.

Marte orbita a 225 milioni di km dalla Terra. All’inizio del mese in corso è stato messo in orbita il missile spaziale Falcon da parte di SpaceX, che gli esperti del settore considerano un punto di svolta. 

Israele guarda a Marte, il pianeta che per decenni ha rappresentato un mistero per gli scienziati di tutto il mondo.

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US