Film sulla Shoah, esce nelle sale “La signora dello zoo di Varsavia”

Redazione
-
Cultura

Film sulla Shoah, esce nelle sale “La signora dello zoo di Varsavia”

Cultura
Redazione

I film sulla Shoah si arricchiscono di una nuova pellicola: “La signora dello zoo di Varsavia” della regista neozelandese Niki Caro tratto dal libro “Gli ebrei dello zoo di Varsavia” di Diane Ackerman, a sua volta tratto dai diari redatti da Antonina Żabińska.

Ambientato nella Varsavia del 1939, la pellicola mette in scena il coraggio di Antonina Żabińska (Jessica Chastain) e suo marito, il dottor Jan Żabiński (Johan Heldenbergh), gestori dello storico zoo della città, quasi del tutto distrutto dopo il bombardamento nazista e divenuto sede degli esperimenti di un ufficiale nazista, Lutz Heck (Daniel Brühl), molto interessato alla bellezza di Antonina.

Antonina e Jan non si abbattono e continuano ad accudire i pochi animali rimasti. Quando la barbarie nazista si scaglia sugli ebrei, i due coniugi trasformano i sotterranei dello zoo in un rifugio per salvarne il più possibile. Nonostante il rischio per la propria incolumità, Antonina e Jan aiutano centinaia di persone a fuggire.

“Jessica ha voluto sapere com’era mia madre, come si vestiva, le ho raccontato che non portava mai i pantaloni anche se lavorava con gli animali, che usava sempre il rossetto, che quando i tedeschi sparavano alle cornacchie per divertirsi, lei le raccoglieva e ne faceva conserve di carne per nutrire i suoi ospiti…”.

A parlare è Teresa, figlia di quelli che lei non definisce “eroi ma persone oneste che hanno fatto solo quello che ritenevano giusto, e che ogni volta che qualcuno ha bisogno di aiuto abbiamo il dovere incondizionato di darglielo”.

Persone oneste. Sembra tutto così facile. E invece non fu così, perché migliaia di persone si girarono dall’altra parte per non vedere le atrocità che accadevano sotto i loro occhi o peggio ancora denunciarono gli ebrei per una somma di denaro.

A volte, nel mondo in cui viviamo, le persone oneste diventano eroi. È questo che ci dovrebbe far riflettere…

  • Progetto Dreyfus su Instagram

  • FOLLOW US